console dj professionale Recensioni

PIONEER DDJ-SB 2 — Smettila di giocare, diventa un DJ!


La Pioneer ddj sb2 è il controller che sta in cima alla fascia medio-bassa sia a livello di qualità che a livello di prezzo.

Questo controller è dotato di un circuito audio e di materiali di primissima qualità con nulla da invidiare alle sorelle maggiori di casa Pioneer, che in combinazione con il software più gettonato, Serato Dj, forma una combinazione davvero ottimale per chi vuole iniziare da subito ad avere molta libertà di espressione, e si aspetta di passare un’estate ricca di djing dal vivo

Alcune caratteristiche mutuate dalle consolle di fascia professionale, la rendono la console ideale per chi, dopo aver macinato un bel po’ di mixing sulle consoline casalinghe, vuole affrontare ed espandere le sue abilità, senza dimenticare il portafogli!

Analisi delle features

Si potrebbe non dire niente delle features,visto che le cose essenziali ci sono tutte e sono tutte facili da utilizzare, la console offre poi qualche “gioiellino” extra che si contrappone ad un paio di scomodità.

Interfacce I/O:

  • la consueta porta usb per connettersi al pc ed alimentate la console
  • uscita RCA
  • 2 monitor cuffie (jack da ¼ di pollice,mini jack)
  • ingresso per il microfono (jack da ¼ di pollice)

Deckplate:

Con  le jog in alluminio che riprendono lo stile dei CDJ 2000, il top dei top dei top,  ti prepari a mettere le mani su una postazione da djing sempre più vicina alla realtà dei PRO. 

Knobs e fades sono ben costruiti e rispondono molto bene ai movimenti del DJ, dando da subito un feeling di stabilità, consistenza ed affidabilità. 

Anche se si colloca tra le console “amatoriali”, troviamo un deckplate ricco di funzioni e con qualche spinta in più rispetto alle colleghe della stessa fascia di prezzo.

Per ciascun Deck troviamo, dall’alto in basso: Tempo slider, la barra effetti con la sua manopola che setta i livelli di intervento e la jogwheel decisamente imponente rispetto alle dimensioni della console stessa. 

A sinistra della Jog (e a destra nel deck B) troviamo il Key Lock che blocca il pitch in funzione del tempo, permettendoti di accelerare e decelerare il sync del brano senza perderne la tonalità, il tasto di selezione del Deck 3 (4 nel deck B) e lo switch della modalità Vinyl, per i tuoi scratch!

Le jog sono il punto forte di questa console,infatti sono fedeli riproduzioni delle jog del colosso di casa pioneer, ossia il cdj.

A differenza di altri controller in questa fascia di prezzo si potranno comandare simultaneamente le funzioni di hotcue, loop, sample (situate nei pads sotto le jog) e effetti.

Sotto la fila di pads per hotcue, loop, sample cè un altra fila di pads per rispettivamente play/pause,cue,sync e shift.

Quest’ultimo ha il compito di attivare le funzioni secondarie dei vari comandi.

 Alla fine della fiera la cosa più interessante di cui è fornita questa console è il Trans Beat, che permette con i PAD di attivare quell’effetto che va molto di moda, che taglia il volume a ritmo con le barre… Tutto automaticamente! 

L’area Mixer da vero aspirante dj:

Sempre dall’alto in basso, troviamo due tasti load, per caricare il brano nel deck corrispondente, la manopola del browser, insieme a questi si trovano i due controlli trim pot, funzione completamente innovativa che permette di regolare il volume delle tracce manualmente. (Per esperienza ti dico che l’autosettaggio del programma spesso non è preciso..anzi!)

Sempre al centro, tre knob per il volume del Master (uscita), il missaggio in cuffia tra master e cue, ed il volume cuffia.

Ai lati di queste tre manopole, i tre filtri mid, bass e treble, senza però il tasto kill, utile per hard fades un po’ funambolici!

In basso, i due fader dei canali dei deck,  ed in mezzo a loro i tipici VU meter di Pioneer, che sono veramente belli e semplici.

Sotto ad essi si trova un pulsante che permetterà di accedere alla modalità filter fade, che non è il top della comodità visto che una volta attivato i fade del volume si trasformeranno nei fade del filtro. Utile? Mah, dipende dal tuo stile di djing!

Insomma, un bel po’ di ammenicoli per spippolare divertendoti mentre ti avvicini sempre di più alla tua carriera di Dj professionista! 

Caratteristiche tecniche

Peso articolo 3 Kg
Dimensioni prodotto 34,2 x 58,3 x 13,1 cm
Numero modello articolo DDJ-SB2
Colore Nero
Tipo di connettore USB
Interfaccia Hardware USB
Quantità canali del mixer 2
Sistema operativo iOS, Windows, Mac OS 9.X, Mac OS X, Microsoft Pocket PC 2002

Scheda audio: 24 bit/44,1 kHz

Gamma di frequenza: 20-20.000 Hz

Rapporto segnale/rumore: 90db

Distorsione: <0,005%(USB)

Un’occhiata al software:

Da molti è considerato il master fra tutti i software di djing insieme a TraktorPro, SeratoDj non ha bisogno di alcuna presentazione. Ed il fatto che sia in dotazione con la console dovrebbe stimolarvi a comprala senza esitare.

Oltre ad un’interfaccia essenziale e pulita, la possibilità di gestire 4 deck virtuali (ottenibili con i tasti 3 e 4 sulla console, rispettivamente a sinistra della jog del deck 1 e a destra della jog del deck 2), Serato DJ permette di utilizzare al meglio la tua console e ti sarà di supporto estremo per l’angusta via nel diventare DJ professionista.

PRO e CONTRO

PRO

  • Rapporto qualità/prezzo tra i migliori della fascia.
  • Serato Dj in dotazione
  • Fedele richiamo alla coppia cdj+dm900

CONTRO

  • Non completa nelle funzionalità
  • Nessuna uscita XLR
  • Filter ai limiti della comodità

 

Dove Comprare e a quanto:

Qui puoi trovare la migliore offerta sul mercato per comprare la Pioneer DDJ SB2: Vai a prendertela! 

 

TROVALA USATA SU EBAY

Comments

comments